Elemento Grafico
Elemento Grafico
Confindustria Sardegna Meridionale
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Home
User

Password


Elemento Grafico
Elemento Grafico
Pre-Assise Confindustria
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
La Mission
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
La Storia
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Lo Statuto
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
I Vertici
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
La Struttura
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Le Aziende Associate
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Gruppo Giovani Imprenditori
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Iscrizioni
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Contatti
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Conoscersi per collaborare
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Fondazione Fabbrica Solidale
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Confindustria
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Confindustria Sardegna
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Confidi Sardegna
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
ANCE
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Sportello MEPA
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
SISMA
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
CPT
Elemento Grafico
Cassa Edile
Elemento Grafico
Elemento Grafico
E.S.I.E.A. Scuola Edile Cagliari
Elemento Grafico
ANCE Pagamenti Pubblica Amministrazione
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
NEWS
Elemento Grafico

Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
OSSERVAZIONI DI CONFINDUSTRIA SARDEGNA SULLA FINANZIARIA REGIONALE 2018: SPENDERE LE RISORSE, SEMPLIFICARE LA BUROCRAZIA E RILANCIARE SVILUPPO E CRESCITA
Elemento Grafico
Data: 07/11/2017
Elemento Grafico
In occasione della audizione presso la Terza Commissione del Consiglio Regionale della Sardegna, Confindustria Sardegna ha presentato le sue “Prime osservazioni al Documento di Economia e Finanza Regionale ed alla Legge Finanziaria della Sardegna 2018” attualmente all’esame della stessa Commissione.
Dopo aver manifestato il proprio apprezzamento per la tempestività con la quale la manovra finanziaria 2018 viene sottoposta all’esame ed alla approvazione del Consiglio Regionale, Confindustria esprime l’auspicio che i tempi della discussione siano i più ristretti possibile al fine di non frapporre ostacoli impropri alla massima e più fluida circolazione delle risorse pubbliche, anche in considerazione del fatto che l’economia dell’isola risulta sempre più fortemente dipendente dalla finanza pubblica.
Nel confronto con le altre regioni italiane la Sardegna ha infatti il più alto peso percentuale di spesa pubblica sul PIL. Presenta inoltre un residuo fiscale negativo complessivo di oltre 5,3 miliardi ed uno pro capite di meno 3.169 euro (che lo pone all’ultimo posto della classifica nazionale). In tale contesto appare in primo luogo necessaria una rinnovata attenzione per l’azione di “spending review” e per il recupero di efficacia ed efficienza della spesa pubblica da reindirizzare verso gli utilizzi maggiormente produttivi. E’ importante al contempo accelerare la spesa effettiva delle risorse pubbliche disponibili.
Ma per Confindustria occorre soprattutto rilanciare strategie che inducano una crescita strutturale del sistema economico e produttivo della Sardegna e quindi un gettito fiscale endogeno al fine di garantire la prospettiva di una finanza pubblica adeguata alle crescenti esigenze di benessere ed investimento dell’isola, senza gravare sulle imprese che producono lavoro e occupazione. In quest’ottica è condivisa la scelta della Giunta Regionale di non elevare le aliquote IRPEF ed IRAP.
Per sostenere la crescita dell’economia reale della regione Confindustria auspica vengano da subito individuate risorse per la definizione di un “Rapporto sulle possibili opportunità e prospettive di sviluppo della Sardegna per il decennio 2020-2030”, preservando e difendendo tale programma dalle conflittualità politico-elettorali contingenti.
Nel documento presentato ai Consiglieri della terza Commissione si richiama la necessità di sostenere il comparto industriale-manifatturiero, il cui contributo è da considerarsi fondamentale per la crescita del PIL regionale, non in alternativa ma in sinergia con gli altri settori produttivi: edilizia, agricoltura, turismo e servizi.
Si propone a tal fine l’organizzazione di una “Conferenza Regionale dell’Industria in Sardegna”, occasione per valutare, programmare ed avviare con urgenza una nuova stagione di azioni idonee ad attrarre investimenti, approntando Pacchetti Localizzativi, anche specifici e settoriali, che risultassero effettivamente incentivanti per l’insediamento di nuove realtà produttive.
Utili, a tal fine, sarebbero il varo di un programma straordinario, adeguatamente finanziato, di riqualificazione ed ammodernamento delle nostre aree industriali, e l’attuazione delle Zone Economiche Speciali raccordate alle aree portuali.
Considerato il persistente fortissimo squilibrio tra l’import e l’export della Sardegna viene valutato positivamente lo sforzo della Regione, riproposto anche per il 2018, per sostenere il processo di internazionalizzazione delle imprese.
Valutato favorevolmente lo sforzo finalizzato al sostegno dello sviluppo locale, con particolare riferimento alle politiche a favore delle zone interne.
Per Confindustria va rinnovato l’impegno per la semplificazione amministrativa che continua ad essere il vero ostacolo per le attività imprenditoriali e per la possibile attrazione degli investimenti. Cosi come va combattuta la sempre più diffusa, “incultura del NO”, che tende a bloccare, spesso in maniera ingiustificata ed irrazionale, provvedimenti importanti per lo sviluppo economico quali, ad esempio, le nuove norme per il governo del territorio o il programma di metanizzazione dell’isola.
Per favorire la ripresa, ancora insufficiente, del comparto produttivo, Confindustria ritiene importante il ruolo del “DIH Digital Innovation Hub della Sardegna”, recentemente costituito da Associazioni di categoria, Camere di Commercio, Università di Cagliari e Sassari e da Sardegna Ricerche che, mettendo a sistema le competenze dei diversi soggetti istituzionali, dei players tecnologici, della rete nazionale dei DIH e dei Competence Center , potrà favorire la diffusione della cultura digitale e cogliere le opportunità e gli incentivi che il programma nazionale Industria 4.0 mette a disposizione delle imprese.
A parere degli industriali è anche necessario, per sostenere lo sviluppo del sistema produttivo nel suo complesso, destinare maggiori risorse alla soluzione del problema dei trasporti, a partire dalla continuità territoriale aerea, proseguendo con la modernizzazione della rete ferroviaria e di quella viaria e con l’adeguamento del sistema portuale ed aeroportuale. Soluzioni strutturali e riorganizzative sono necessarie ed attese anche per la soluzione delle problematiche del comparto idrico e per gli interventi di risanamento ambientale.
Confindustria pone infine l’accento sulle politiche del lavoro e sui problemi della formazione professionale e manageriale. Le imprese continuano infatti a segnalare il forte gap tra fabbisogni di competenze e specializzazioni richieste dal sistema produttivo regionale e le professionalità disponibili nel mercato del lavoro locale. E’ necessario pertanto che sia adeguatamente rifinanziato il capitolo di spesa inerente il Piano regionale della Formazione Professionale. L’utilizzo esclusivo dei fondi del FSE si è infatti rivelato insufficiente e, spesso, non idoneo a fornite immediate risposte alle mutevoli e complesse esigenze formative del mercato del lavoro. Attraverso il Piano regionale della Formazione Professionale si potranno attuare iniziative formative in grado di rispondere tempestivamente e con adeguata flessibilità ai fabbisogni di competenze delle imprese, con conseguenti impatti positivi sui livelli occupazionali regionali.

Elemento Grafico
Allegati scaricabili:
Osservazioni Confindustria Sardegna
Elemento Grafico
Stampa Pagina
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Stampa questa pagina
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Assindustria notizie circolari
Le Convenzioni
Corsi di formazione
I Servizi
Documenti
Comunicati Stampa
L'attivita'
Incontri e Convegni
Flash da Confindustria
I video
Tutte le News
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Saperformare
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
GAP
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Fondimpresa
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Aziende in vetrina
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
seguici su Facebook
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
seguici su twitter
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico

Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico

Elemento Grafico
© 2007-2017 Confindustria Sardegna Meridionale - Cagliari, Viale Colombo 2
Tel. 070 604281 - Fax 070 659964 - Email: assindca@assindca.it - PEC: assindca@pec.assindca.it
Realizzazione: Micro srl per conto Gap Srl - P.IVA 00494370927