Elemento Grafico
Elemento Grafico
Confindustria Sardegna Meridionale
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Home
User

Password


Elemento Grafico
Elemento Grafico
Pre-Assise Confindustria
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
La Mission
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
La Storia
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Lo Statuto
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
I Vertici
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
La Struttura
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Le Aziende Associate
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Gruppo Giovani Imprenditori
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Iscrizioni
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Contatti
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Conoscersi per collaborare
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Fondazione Fabbrica Solidale
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Confindustria
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Confindustria Sardegna
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Confidi Sardegna
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
ANCE
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Sportello MEPA
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
SISMA
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
CPT
Elemento Grafico
Cassa Edile
Elemento Grafico
Elemento Grafico
E.S.I.E.A. Scuola Edile Cagliari
Elemento Grafico
ANCE Pagamenti Pubblica Amministrazione
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
NEWS
Elemento Grafico

Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
L’AREA INDUSTRIALE DI SARROCH VALORIZZA IL SISTEMA DELLE IMPRESE, L’OCCUPAZIONE E LE COMPENTENZE PER L’INNOVAZIONE E LA SICUREZZA
Elemento Grafico
Foto Data: 17/11/2017
Elemento Grafico
Il sito industriale di Sarroch, uno dei principali del comparto a livello nazionale, vanta una occupazione media, diretta ed indiretta, di circa 4000 lavoratori distribuita tra le numerose aziende e unità produttive del territorio.
Per interpretare coraggiosamente le possibili evoluzioni degli scenari futuri e rafforzare la competitività del territorio nel sito è stato avviato un piano triennale straordinario d’investimenti industriali per oltre 600 milioni di euro la cui articolazione risulta meritoria della massima attenzione sociale e istituzionale in quanto ricomprende, per una quota assai rilevante, iniziative per lo sviluppo dell’innovazione tecnologica dell’Industria 4.0, per la tutela dell’ambiente, per l’efficienza energetica e la sicurezza.
La natura e l’entità degli investimenti offre alle imprese d’appalto una ulteriore opportunità di sviluppo delle attività ed al territorio, nel cui ambito è cresciuto un sistema di buone prassi di relazioni industriali a beneficio della qualità del lavoro e della competitività delle imprese, offrendo un importante sbocco occupazionale per tutte quelle professionalità specializzate nelle qualifiche industriali.
Nell’area, grazie alla presenza della raffineria più importante del Mediterraneo, si è sviluppato un articolato e variegato sistema produttivo di prestazione di servizi che comprende l’intera filiera di attività tipiche del macrocomparto industriale. Imprese, spesso di eccellenza, non solo metalmeccaniche, elettrostrumentali, edili e di trasporto, ma anche laboratori chimici, studi di ingegneria, centri di ricerca, studi di medicina del lavoro, imprese dell’ICT e della consulenza tecnologica, organizzativa e manageriale.
Trattandosi di realtà produttive che operano esclusivamente su commessa, è conseguentemente un ambito che si caratterizza per una marcata variabilità della forza lavoro sia in termini quantitativi (numero medio di occupati) che qualitativi (mansioni e competenze richieste). Rispetto al comparto manifatturiero le imprese d’appalto svolgono lavorazioni periodiche di manutenzione e costruzione commissionate attraverso procedure di gare d’appalto e trattative negoziate in linea con le normative applicate anche dal comparto pubblico, a garanzia della trasparenza e libera concorrenza.
In particolare, contrariamente a quanto erroneamente affermato da alcuni rappresentanti delle organizzazioni sindacali metalmeccaniche l’organico standard delle imprese che operano in appalto presso il sito di Sarroch è articolato per oltre l’80% da personale assunto con contratti di lavoro a tempo indeterminato. Ciò è possibile perché numerose imprese hanno contratti di manutenzione di natura continua, con una durata spesso biennale rinnovabile.
Per fronteggiare i picchi e flessi di lavoro legati alla periodicità e “stagionalità” delle commesse, una quota di dipendenti viene poi inserita con contratti a termine legati alla durata temporanea dei lavori assegnati e degli investimenti programmati.
Risulta invece minima e quasi irrilevante (a Sarroch non supera il 3-4%, percentuale tra le più basse a livello nazionale) la presenza di lavoratori somministrati, forma contrattuale prevista dalla normativa nazionale e utilizzata per commesse e lavorazioni non sempre programmabili e che richiedono tempi limitati di fornitura.
Occorre ribadire che la presenza di lavoratori somministrati si rende necessaria per quelle imprese che, non avendo commesse di lunga durata ed essendo di recente insediamento nel sito, presentano fabbisogni di forza lavoro di breve periodo che non possono essere soddisfatti con i contratti a tempo determinato a causa del vincolo normativo del 20% introdotto a livello nazionale nel 2014. Naturalmente a tale categoria di lavoratori vengono applicate nel comparto industriale le stesse condizioni contrattuali e di sicurezza previste per gli altri lavoratori dipendenti dell’azienda di inserimento.
E’ d’altra parte evidente che le imprese, considerato il maggior costo di tale forma contrattuale, in caso di visibilità del lavoro di medio e lungo periodo hanno tutto l’interesse a proporre direttamente ai lavoratori contratti a tempo indeterminato. Le professionalità del comparto impiantistico e metalmeccanico sono strategiche per le aziende e rappresentano un vero e proprio vantaggio competitivo. L’utilizzo di lavoratori somministrati va quindi considerata come una necessità che risponde ad una situazione operativa spesso strettamente connessa alla tipologia di lavori assegnati e al piano di sviluppo delle imprese interessate.
Va peraltro tenuto presente che la Somministrazione (un tempo chiamato lavoro interinale) è un vero e proprio contratto di lavoro regolamentato da uno specifico CCNL sottoscritto anche dalle organizzazioni sindacali di categoria aderenti alla CGIL, CISL, UIL. Appare pertanto di difficile comprensione la posizione assunta dai sindacati metalmeccanici su tale strumento anche considerato che, paradossalmente, vista la progressiva riduzione degli ammortizzatori sociali disposta per legge, il lavoratore somministrato che opera nei contesti in cui si verifica una certa variabilità e periodicità nell’intensità di lavoro ha maggiori tutele rispetto agli altri lavoratori in quanto le Agenzie per il lavoro, oltre all’opportunità di ricollocazione in altri ambiti, offrono un sussidio interno per i periodi di sospensione dal lavoro.
Occorre infine evidenziare come risulti invece vero che il mercato del lavoro locale presenti notevoli e assai preoccupanti disallineamenti tra le professionalità richieste dai flussi di offerta manifestati dalle imprese e i profili che compongono la domanda. Mancano infatti nel territorio numerose tipologie di specializzazioni e professionalità richieste dai processi produttivi delle imprese che operano su commessa, sempre più costrette ad attingere ai mercati del lavoro esterni. Si segnala, in riferimento ad Industria 4.0, anche la gravissima carenza di adeguate competenze specialistiche: data Science, sviluppatori di software, realtà virtuale e realtà aumentata, cyber security.
A tale riguardo sarebbe certamente assai più utile ed auspicabile che tutti concorressero ad ovviare all’assenza di coerenti e specifiche politiche attive per il lavoro da parte delle pubbliche istituzioni competenti, in particolare per quanto attiene i percorsi di formazione professionale necessari.

Elemento Grafico
Elemento Grafico
Stampa Pagina
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Stampa questa pagina
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Assindustria notizie circolari
Le Convenzioni
Corsi di formazione
I Servizi
Documenti
Comunicati Stampa
L'attivita'
Incontri e Convegni
Flash da Confindustria
I video
Tutte le News
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Saperformare
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
GAP
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Fondimpresa
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Aziende in vetrina
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
seguici su Facebook
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
seguici su twitter
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico

Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico

Elemento Grafico
© 2007-2017 Confindustria Sardegna Meridionale - Cagliari, Viale Colombo 2
Tel. 070 604281 - Fax 070 659964 - Email: assindca@assindca.it - PEC: assindca@pec.assindca.it
Realizzazione: Micro srl per conto Gap Srl - P.IVA 00494370927