Elemento Grafico
Elemento Grafico
Confindustria Sardegna Meridionale
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Home
User

Password


Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
La Mission
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
La Storia
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Lo Statuto
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
I Vertici
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
La Struttura
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Le Aziende Associate
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Gruppo Giovani Imprenditori
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Iscrizioni
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Contatti
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Conoscersi per collaborare
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Fondazione Fabbrica Solidale
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Confindustria
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Confindustria Sardegna
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Confidi Sardegna
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
ANCE
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Sportello MEPA
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
CPT
Elemento Grafico
Cassa Edile
Elemento Grafico
Elemento Grafico
E.S.I.E.A. Scuola Edile Cagliari
Elemento Grafico
ANCE Pagamenti Pubblica Amministrazione
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
LA STORIA - IL RUOLO DI GUIDA DELLO SVILUPPO
Elemento Grafico

In questa temperie di difficoltà e di preoccupazioni, l'Associazione aveva avvertito «ancor più l'esigenza di farsi promotrice e partecipe di una politica di sviluppo che aggregasse, intorno ad un progetto condiviso, tutte le diverse componenti sociali della provincia di Cagliari. Nell'intento – si aggiungeva – di mettere in moto l'indispensabile ripresa». Si riteneva di dover ridare centralità a «quel ruolo di guida economico-istituzionale che Cagliari aveva avuto in passato» e che pareva essersi appannato per via «di un preoccupante disinteresse degli enti di governo». Il territorio cagliaritano, un tempo area "di polpa" per il sistema produttivo regionale, era stato il primo a risentire dei guai della crisi, tanto da dover rappresentare, per via d'una sua temuta de-industrializzazione, un pesante handicap per l'intera economia regionale.

Questa rivendicazione d'una leadership industriale di Cagliari sarebbe stato il filo conduttore della politica associativa messa in atto dalla presidenza di Luciano Ticca (1995-2001). Ed ancora il tema centrale con cui verrà aperto il dialogo con le altre forze sociali e con le istituzioni della provincia: per affrontare in una logica sistemica (il "sistema-Cagliari") la ripresa del cammino verso lo sviluppo socio-economico. In modo da affrontarne i problemi fondamentali, dalla "zona franca" produttiva al miglior governo dell'intermodalità dei trasporti, dall'emergenza idrica a quella energetica, dalle nuove opportunità del turismo alla preoccupante caduta degli investimenti infrastrutturali.

Il futuro progresso della Sardegna se dovrà esserci – era un po' questo il refrain confindustriale – non potrà che principiare da Cagliari, da questa che è stata, da sempre, la porta principale dell'isola. Perché essere "porto" in un'isola significa essere il luogo ottimale per stabilire legami input-output con le terre e le economie d'oltre mare.

E questo porto (con i suoi problemi e le sue esigenze) acquisterà ancor maggiore centralità con la successiva presidenza (2001) di Gianni Biggio, imprenditore del settore trasportistico navale. Per la prima volta, nella storia associativa, l'imprenditoria dei trasporti, ed in particolare di quelli marittimo-portuali, era chiamata alla guida dell'Associazione.

Foto
Elemento Grafico
Gianni Biggio, Presidente dell'Associazione dal 2001
Elemento Grafico
Non sarà di certo una scelta senza significato, anche perché la stessa storia della rappresentanza degli industriali può essere letta (come già si è avuto modo di rilevare sottolineando la provenienza dei capitali industriali impiegati) anche attraverso il settore di attività dei suoi presidenti.

Se elettricità, bonifiche e miniere erano state i settori che avevano premiato i presidenti (Dolcetta, Scano, Musio e Martelli) dei primi cinquant'anni associativi, dal 1976 si assisterà ad un significativo volta-pagina, con l'affermazione di esponenti di attività legate strettamente all'habitat imprenditoriale locale: dell'edilizia, con Pellegrini, Binaghi e Ticca; dell'agroindustria con Zedda e della metalmeccanica con Mambrini.

Quanto qui rilevato conferma le profonde modificazioni intervenute nel comparto industriale, divenuto molto più composito ed articolato, per tanti versi più legato agli interessi ed ai valori, anche capitalistici, delle borghesie locali del lavoro d'impresa.

D'altra parte, i pesi dell'insularità e le esigenze d'una effettiva continuità territoriale, nei tempi d'una sempre più marcata globalizzazione dei mercati, erano ormai tali da fare, dei collegamenti extraisolani, il problema number one per l'economia locale. La scelta di un imprenditore come Biggio, esponente dell'imprenditoria trasportistica, legherà ancor più strettamente gli indirizzi delle politiche industriali cagliaritane con le esigenze dei collegamenti con l'esterno, con le economie ed i mercati extraisolani.

Il potenziamento e l'ottimizzazione dell'intermodalità dei trasporti, come infrastruttura primaria per un'economia isolana, è divenuto quindi uno dei campi d'azione principali per le iniziative propositive e di stimolo politico dell'Associazione. Sono così diventati centrali temi come quelli della continuità territoriale per le merci, dell'area franca produttiva, del potenziamento dei collegamenti terra-mare-cielo, dell'affermazione, infine, degli approdi e degli scali come efficienti nodi di raccordo fra il sistema economico dell'isola e quello delle terre continentali.

D'altra parte, a Cagliari deve essere riconosciuto il merito di avere sempre colto – proprio per l'azione sensibilizzatrice ed interventista della sua classe imprenditoriale – l'esigenza e l'urgenza di interpretare e sostenere le coordinate di progresso civile dell'intera regione. Da qui il suo ritrovato impegno ad essere non più, e non soltanto una città "con il porto", ma una vera città ad economia portuale (più Rotterdam che Trieste, ad esempio). Convinta che proprio dal potenziamento dei traffici e delle interrelazioni con l'oltretirreno è possibile trarre i maggiori benefici per le attività economiche ed un miglior benessere per i suoi abitanti.

In questo quadro di cambiamenti diviene centrale l’attenzione al nuovo scenario competitivo, fortemente dinamico e sempre più caratterizzato dalla globalizzazione, del quale gli imprenditori locali devono saper cogliere le opportunità. Questa sfida viene raccolta dalla presidenza di Alberto Scanu (2007), imprenditore del settore della sanità, dell'edilizia e dell'agroalimentare, che vanta una consolidata esperienza nell’ambito del sistema confindustriale.
L'attenzione si sposta così, con nuovo vigore, verso temi come quelli della ricerca e sviluppo, dell'innovazione e dell'internazionalizzazione delle imprese, perché diventino, con il supporto dell'Associazione Industriali, protagoniste della crescita in un mondo che muta velocemente.
Lo stesso cambio al vertice degli uffici con la nomina, nel 2003, di Marco Santoru a direttore dell’Associazione (succedendo ai 18 anni di Giuseppe Verona) conferma e rafforza quel valore di continuismo nell’azione rappresentativa dell’imprenditoria industriale cagliaritana che costituisce il prestigioso vanto di quest’Associazione. Un “continuismo”, andrebbe sottolineato, che si è positivamente incardinato, per oltre otto lunghi decenni, nella grande capacità di saper interpretare, tutelare ed inserire nella società locale gli interessi, le volontà e le iniziative dei più attivi e capaci “uomini del fare” della provincia, da Giulio Dolcetta ad Alberto Scanu. E che ha avuto degli abili e capaci esecutori e garanti nei direttori, da Francesco Loriga a Marco Santoru.

1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10
« PAGINA PRECEDENTE
PAGINA SUCCESSIVA »

Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Assindustria notizie circolari
Le Convenzioni
Corsi di formazione
I Servizi
Documenti
Comunicati Stampa
L'attivita'
Incontri e Convegni
Flash da Confindustria
I video
Tutte le News
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Saperformare
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
GAP
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Fondimpresa
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Aziende in vetrina
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
seguici su Facebook
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
seguici su twitter
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico

Elemento Grafico
Elemento Grafico
Elemento Grafico

Elemento Grafico
© 2007-2017 Confindustria Sardegna Meridionale - Cagliari, Viale Colombo 2
Tel. 070 604281 - Fax 070 659964 - Email: assindca@assindca.it - PEC: assindca@pec.assindca.it
Realizzazione: Micro srl per conto Gap Srl - P.IVA 00494370927